#plateau_rosa

BANDO PER CONCORSO DI IDEE FINALIZZATO ALLA RIQUALIFICAZIONE DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA’ DI CERVINO SPA SITI IN BREUIL-CERVINIA, LOCALITA’ PLATEAU ROSA.

Secondo classificato.

In collaborazione con: G-Studio, Stefano Girodo, Marco Savoye

#thegullis

 

Progetto in collaborazione con:

Homepage

1

izmade_Gulli_NataLì_WEB_sito_2-1

izmade_Gulli_NataLì_WEB_sito_3

izmade_Gulli_NataLì_WEB_sito_4

izmade_Gulli_NataLì_WEB_sito_5

izmade_Gulli_NataLì_WEB_sito_6

izmade_Gulli_NataLì_WEB_sito_7

https://www.izmade.com/design/natali/

I Thegullis hanno voluto trasformare il loro alloggio.
Izmade ha realizzato alcuni elementi quali porte, librerie, un mobile scrivania e l’arredo bagno.
L’abitazione è stata poi caratterizzata da un volume vetrato posto nel salotto: è apparso NataLì.
Il nuovo volume è un’area multifunzione aperta, uno spazio ampio per cucinare, mangiare e rilassarsi in compagnia.
Il risultato è un salotto ‘multi-tasking’ in cui ogni settore ha il suo ruolo, ma convive con gli altri in perfetta sincronia.
NataLì crea così un gioco di divisione e unione dei volumi, donando un’armonia naturale all’interno.

Progetto di Francesca Grilli.

esercizi_di_immaginazione

Esercizi di immaginazione

Bisogna ripensare la casa e la città includendo ciò che questa società ultra consumista e distruttiva ha eliminato dal nostro vivere e cioè la natura. Mi immagino città più verdi, meno congestionate, improntate sul trasporto pubblico e sulla mobilità dolce, mi immagino la rivoluzione della produzione agricola attraverso le vertical farm che non consumano tanta acqua per la produzione dei prodotti agricoli. Me le immagino nelle città, nelle fabbriche dismesse, in modo tale da rendere capillare la distribuzione evitando i grandi trasporti.
Mi immagino anche di poter andare a fare la spesa direttamente lì, senza imballaggi e rifiuti plastici. Mi immagino anche piccoli elettrodomestici che mi producano direttamente in casa le verdure e mi immagino un mondo dove non si consumi più carne sia per motivi etici che per motivi ambientali. Mi immagino le piazze e le vie piene di verde e di orti, solcate da gente in bicicletta o in monopattino. Mi immagino più solidarietà e maggiore inclusione. Mi immagino condomini collettivi dove si condividano dei servizi utili a tutti (lavanderie, cucine collettive, spazi sociali).
Mi immagino un mondo che produca non più merci, ma servizi in modo tale da ridurre gli sprechi e il rifiuto. Mi immagino che tutto ciò che viene prodotto venga inserito in un ciclo vitale e – come la natura ci insegna – mi immagino che ciò che consideriamo scarto o rifiuto sia reinserito nel ciclo produttivo.
Mi immagino quindi una società che sia in armonia con la natura, che produca ciò che può far bene al nostro pianeta, come fanno gli alberi che hanno reso e continuano a rendere respirabile l’aria di cui si necessita per vivere. In fondo respiriamo l’aria degli alberi!
Non vorrei invece un mondo che continua a produrre e consumare come se niente fosse. Non vorrei una società produttivista che trascini tutti noi nel baratro. Vorrei che si parlasse di più di capitalismo naturale e di rispetto dell’ambiente. Non vorrei vivere in una casa attrezzata per la pandemia, girare per strada con la mascherina e sedermi in una panchina progettata con le misure di sicurezza per tenere distanti gli altri.

Francesca Grilli, architetto

#restyling2

Abbiamo rinnovato un’appartamento di amici, queste sono alcune immagini del soggiorno e della cucina living.FullSizeRender-2

FullSizeRender

#yellow_is_coming

La ristrutturazione di un piccolo appartamento in Vanchiglia, per una giovane coppia!

#Temporary_Beach

17236113
L’obiettivo del progetto e’ stato quello di creare un ambiente piu’ attrattivo agendo con piccoli interventi di ricucitura a basso impatto e a costo contenuto: 1) l’ampliamento della passeggiata attraverso l’affiancamento di un nuovo percorso attrezzato realizzato in materiale ecocompatibile 2) il potenziamento delle aree verdi con la creazione di piazzette di sosta/spettacolo, 3) la creazione di nuovi accessi pedonali protetti, privi di barriere architettoniche, 4) il potenziamento della pista ciclabile con i relativi parcheggi, 5) l’allestimento dell’area sportiva e di ristoro, fruibile sia d’estate che d’inverno. L’idea e’ stata quella di creare una TEMPORARY BEACH, cioe’ una spiaggia che possa crescere e cambiare, un luogo “allestito” rimuovibile, modificabile, in trasformazione, che utilizzi elementi prefabbricati come i containers, adibiti a bar/ristoro, magazzini, docce e spogliatoi, centri di accoglienza turistica o rent a bike…tav1tav2tav3

1102

super_colorful_

Abbiamo ristrutturato un piccolo appartamento nel quartiere Vanchiglia a Torino.

Abbiamo scoperto dei bei pavimenti di cementine e abbiamo riportato alla luce vecchie pitture. Il colore e’ il tema di questo nostro ultimo progetto.

#restyling

Abbiamo attualizzato un progetto di ristrutturazione di interni fatto nel 2002. Il progetto precedente prevedeva la ristrutturazione e lo studio degli arredi di tutta la casa, questa volta invece abbiamo curato solo le finiture e qualche dettaglio… qui il risultato!

IMG_0262

#beans

Abbiamo progettato una lampada a led da soffitto per e con l’aiuto dell’ing. Fabrizio Gatti.

La realizzazione e’ di “Noi Geninetti”

FullSizeRender-1

FullSizeRender

Flying_carpet

https://drive.google.com/drive/folders/1vliQTPYb7_khnRGYSVOh_2M4TYTpDIsN

FLYING_CARPET
Una favola, la natura, gli animali… sedersi su una panchina in mezzo al verde deve comprendere anche tutto questo. Un luogo dove poter sognare ed essere accompagnati da tutto cio’ che e’ naturale. La seduta immaginata, dovra‘ essere qualcosa di leggero e integrato con la natura che la circonda, per questo l’appoggio a terra e’ sottile ed il piu’ possibile invisibile, come tanti steli di immaginari fiori. La leggerezza cosi‘ ci fa pen- sare ad un tappeto volante che ci permette di viaggiare nel mondo della fantasia accompagnati da tutto cio’ che desideriamo.

tav1

tav2

%d bloggers like this: