Concorso di progettazione Scuola Media Panzacchi, Ozzano dell’Emilia.

DOParchitetti, G-Studio.

TAV1A Inserimento urbanistico

Il ruolo di polo civico multidisciplinare che il programma attribuisce alla scuola Panzacchi collocherà il nuovo edificio ad un livello diverso nella scala gerarchica degli spazi pubblici di Ozzano.

Il modo stesso con cui l’edificio si rapporterà allo spazio urbano mutera’ e la sua forma non potrà astenersi dal sottolineare il suo nuovo status.

Per questo il progetto ribalta il rapporto tra tessuto viario e volume costruito rispetto a quello attuale e degli edifici che lo circondano per dare forma ad un “luogo urbano” capace di essere punto di riferimento nel contesto urbano.

In contrasto con la frammentarietà dei volumi circostanti, la scuola è perciò organizzata come “insula” che asseconda la trama viaria e che possiede due fronti più rappresentativi che si affacciano sulla “Passeggiata delle scuole” e su via 2 giugno: nel primo caso con un fronte di altezza modesta e forma gentile, nel secondo con uno che accentua il carattere pubblico e istituzionale dell’edificio.

vista_2

B Aspetti compositivi, originalità, creatività e flessibilità della proposta

La forma a corte chiusa afferma la diversità dell’edificio dal contesto e introduce un archetipo tipologico non estraneo ad un tessuto urbano di antica formazione come quello di Ozzano e specifico delle grandi istituzioni pubbliche (palazzi, conventi, università) che, senza creare una cesura tra spazio pubblico esterno e spazio privato interno, imposta relazioni chiare tra spazi aperti e chiusi, messi in relazione da diaframmi di diversa profondità, trasparenza e porosità.

Non più immerso in aree frammentate e dall’uso incerto, il nuovo edificio è connotato da un grande giardino centrale e da aree verdi di contorno con specifici ruoli decorativi (bosco a nord ovest, filare di alberi su via 2 giugno) o utilitaristici (orti pubblici e area di relax a ovest, area verde di fronte alla biblioteca).

L’area centrale – luogo di calma all’interno del “recinto” della scuola, con un effetto scenico garantito dal dialogo fra le sue diverse parti che la delimitano – è predisposta per attività sportive e di spettacolo (aperte al di fuori dell’orario scolastico anche a utenti esterni) e offre agli utenti della scuola occasioni di uso e di godimento visivo, il cui ruolo pedagogico nel formare nei ragazzi un corretto rapporto con la natura, non può essere sottovalutato.

vista_1

L’architettura della scuola sceglie la strada della semplicità senza esibizioni formali .

Composizione e costruzione si basano su un sistema modulare in setti portanti trasversali e longitudinali in X-lam tamponati con pannelli X-lam coibentati e moduli-finestra standard. L’edificio della palestra e dell’auditorium ha struttura in legno lamellare.

part

La tecnologia X-lam è stata scelta nell’ottica di realizzare un edificio nZEB con materiali EDP di elevata leggerezza, rapidità di montaggio ed eccellenti caratteristiche meccaniche in grado di dare risposte ottimali anche in zona sismica.

Lo spessore delle pareti di facciata e dei moduli finestra, determinato dall’abbondante isolamento è sfruttato per ricavare nicchie per la biblioteca diffusa; i davanzali-panca dilatano le opportunità di uso degli spazi connettivi.

La monotonia dell’insieme è scongiurata dall’articolazione dei volumi – diversi per ragioni funzionali – e dall’uso di rivestimenti vari a seconda dell’esposizione quasi l’edificio fosse frutto di stratificazioni compositive successive.

La distribuzione dei locali previsti dal programma avviene in tre corpi di fabbrica: uno a 2 piani per aule, uno ad un piano per aule e locali di amministrazione, un terzo per biblioteca, auditorium, palestra e laboratori.

vista_10

Le aule sono distribuite in due gruppi da 9 e in un gruppo da 3 con geometria flessibile (posto al piano terreno) e si allineano su corridoi di ampia dimensione che accolgono gli scaffali della biblioteca diffusa e che possono essere utilizzati – come richiesto dal programma – come spazi per attività didattiche complementari.

vista_7

La struttura distributiva del terzo corpo di fabbrica, è più complessa a causa della disomogeneità delle funzioni e dei loro diversi tempi e modi di uso: a sud ospita funzioni di notevole altezza, a nord quelle di altezza standard, organizzate su due livelli e parzialmente contenute al disotto di una collina artificiale che ingentilisce il fronte interno dell’edificio prolungando fino al colmo della copertura della palestra la “prospettiva verde” del giardino interno.

vista_11

C Una scuola aperta alla città

Seguendo il modello delle “community school”, la nuova scuola Panzacchi condividerà i propri servizi e spazi con l’intera comunità locale, diventando luogo di distribuzione di processi di formazione complessi e diversificati che non riguardano più solo gli alunni, sfruttando intensamente le proprie potenzialità e rendendo “produttivo” l’investimento economico sostenuto dall’amministrazione.

L’utilizzo degli spazi scolatici più esteso nel corso della giornata e la compresenza di soggetti diversi, presuppongono un attento controllo degli accessi e dei flussi interni.

Per questo sono previsti due ingressi: uno alla scuola (sulla Passeggiata delle scuole) e uno riservato alle attività utilizzabili da utenti esterni (su Viale 2 giugno) e rendendo autonomo l’accesso agli orti pubblici, così da garantire l’intera gestione dei propri spazi da parte della scuola durante gli orari scolastici e un loro uso controllato nel resto della giornata, senza impedire il possibile uso durante l’orario scolastico dell’auditorium e della palestra in caso di speciali occasioni.

La fruibilità extra-scolastica garantita dal progetto riguarda tutte le aree ad eccezione delle aule e degli uffici amministrativi.

E’ dunque ampia, diversificata e non richiede aumento di superficie utile rispetto alle richieste del bando e delle norme vigenti né l’introduzione di particolari accorgimenti tecnologici o impiantistici.

Come richiesto essa riguarda in particolare l’uso extra-scolastico della palestra dell’auditorium, della biblioteca e dei laboratori, raccolti nell’edificio a sud e accessibili da un ingresso comune che dà su un atrio su cui si affacciano anche la biglietteria e il guardaroba dell’auditorium.

I laboratori, più connessi all’attività didattica, sono rivolti verso l’area centrale da cui li separa un filtro verde privato e sono caratterizzati da doppia altezza e da illuminazione zenitale.

Sopra i laboratori si trovano le tribune del pubblico che assiste alle gare sportive o agli spettacoli organizzati nell’area verde centrale, mentre all’interno della collina e illuminate dall’alto, sono collocate le tribune della palestra.

Al di fuori dell’edificio, l’area verde con il gruppo di alberi ad alto fusto che verranno conservati è lasciata a libero accesso e in essa sono realizzati orti pubblici e un’area relax che si fonde – percettivamente – con l’area verde interna visibile attraverso le vetrate del corridoio che la delimita ad ovest.

TAV1 copia

D. Sostenibilità e efficienza energetica, innovazione tecnologica, utilizzo di materiali dotati di EDP.

L’edificio nZEB proposto soddisfa i requisiti previsti dai DM 26.06.2015, DGR 967-2015 e art.7 DGR 1715-2016 con strategie di architettura bioclimatica e uso di tecnologie innovative, sfruttando le risorse naturali (ventilazione naturale passante e indotta, illuminamento naturale degli ambienti a seconda del fattore di utilizzo, apporti utili solari invernali e proteggendo l’involucro dai guadagni solari estivi) e prevedendo un sistema Impiantistico Ibrido Integrato che comprenda i seguenti sistemi di generazione, accumulo, scambio, emissione e controllo:

Sistema Solare Attivo Fotovoltaico e in parte Fototermico con moduli solari cogenerativi fotovoltaico/termico della Potenza Nominale complessiva di 70 kWp elettrici e 125 kW termici con roll-bond integrati per la produzione di energia termica per il Riscaldamento Ambiente tramite Sistemi Radianti e per l’Acqua calda sanitaria, il cui eccesso di energia termica verrà riversata nei circuiti Geotermici per essere disponibile in periodi diversi dallo stoccaggio.

Sistema di Generazione a Pompe di Calore ad Alta Efficienza Elioassistite del tipo Acqua-Acqua ad inverter e frequenza variabile, come principale sistema di generazione del caldo e freddo e dell’acqua calda sanitaria, con funzionamento gestito da un sistema di controllo che prediligerà l’autoconsumo elettrico e la disponibilità di energia termica da solare o Geotermico in funzione del fabbisogno e delle condizioni climatiche in essere e future.

Volano Geotermico a Bassa Entalpia per lo scambio e l’aumento complessivo dell’efficienza in generazione e accumulo. La relazione Geologica evidenzia buone caratteristiche di conduttività e calore specifico del terreno a basse profondità (1,5-1,8 m) da cui è possibile considerare uno scambio geotermico con un differenziale di 10°K per una capacità nominale di 2.500 kWh per un impegno di sottosuolo pari a circa 450 m2 (200 m3 ) dell’area esterna disponibile.

Sistema di Emissione a Bassa Temperatura, radiante a pavimento per la palestra per sfruttarne la grande inerzia termica e a ventilconvettori per aule, uffici, laboratori, biblioteca e servizi.

Sistema di Ventilazione Meccanica Controllata a doppio flusso con scambiatore e recuperatore del calore differenziato per zone.

Sistema di Gestione e Controllo di tipo P.I.D dei carichi termici in virtù dell’inerzia termica dell’edificio, dotato di interfaccia METEO per la valutazione anticipata della produzione energetica da fonte solare e conseguente avvio anticipato o posticipato dei sistemi di generazione del calore, prediligendo l’Autoconsumo o il prelievo in orari più economici, aumentando l’efficienza complessiva del sistema Edificio-Impianto.

Sistema di recupero delle acque piovane considerando, in base all’Intensità annua di precipitazione un Volume Massimo Cumulabile di 16 mc.

TAV2

Advertisements

The nest

Stiamo ristrutturando una piccola casa, per una coppia di patiti del volo…

IMG_7503

mf2

matteo francesca pres comune

Vivi gli animali

1

Stiamo progettando un ricovero per gli animali salvati dal macello e dalla cattiveria umana. Progetto in divenire….

nastro

http://www.piemontemese.it/2017/06/30/vivi-gli-animali-la-fattoria-in-cui-nessuno-e-piu-uguale-degli-altri-di-federica-vivarelli/

rifugio

rifugio 2017

https://www.viviglianimali.it/

(IKEA) dehor…

Per l’assessore Librato «Quella dei dehors è l’evoluzione e l’innovazione del pensiero sullo spazio pubblico, sull’arredo urbano, sulla qualità della vita che vogliamo iniziare a costruire perché Arredare la città è come arredare la propria casa».

.http://www.comune.mesagne.br.it/content/view/3515

https://www.ilgazzettinobr.it/attualita/item/11166-sul-sito-del-comune-le-istruzioni-ikea-per-i-dehors.html

Il nostro progetto RICARICALABATTERIA, online sul sito del comune di Mesagne (Br), con le tavole definitive e le istruzioni di montaggio per i cittadini….

un dehor “fai da te”!

TAV_1 A1

TAV_2 A1

SCHEMA_MONTAGGIO_1

SCHEMA_MONTAGGIO_2

SCHEMA_MONTAGGIO_3

http://augustomontaruli.it/blog/2017/06/28/francesca-il-dehor-e-lassessora-di-mesagne/

A Mesagne il dehor e’ torinese….

A Mesagne il dehor e’ torinese

tav-1-concorso-mesagne-ciano-magenta-bd

L’assessore spiega gli intenti del comune

schermata-2017-02-02-alle-14-19-52

Salva

Gallery

Una mansarda

9

 

 

 

 

Abbiamo ultimato nel centro di Torino, una piccola mansarda….

IMG_5882

IMG_5879

8

1

4

 

10

11

12

notturno…